Scooter d Epoca - Forum

Scooter d Epoca - Forum
Home | Profilo | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Utenti | Il mio Garage | Cerca | FAQ | Policy | RSS

Nel Sito Scooterdepoca.com: Home | Lambretta | Vespa | Altri Scooter | Restauro | Ricambisti | Targhe
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Scooterdepoca.com
 Non solo Vespa&Lambretta - Gli altri scooter
 Iso Diva, olio motore, carter frizione, faro, etc.
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 2

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 13 dic 2019 :  17:50:28  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Dopo l'annuncio di benvenuto in famiglia dello scooter, come nel post dedicato, ecco che vengo ad esporre un primo quesito:

l'olio motore che ho rimosso x controllo era il Moltul 100 minerale, dichiarato dal precedente proprietario sostenendo che con i sintetici la frizione tendevava a slittare.
Inoltre la quantità sul lato frizione cambio era fortemente ridotta: circa 150ml contro i 550ml richiesti.

Dal libretto UM si dovrebbe usare un SAE40.

Voi quale tipo di olio motore usate sulla vostra Diva?

Potrebbe adare bene il Motul TRANSOIL EXPERT 10W40?

Grazie

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 13 dic 2019 :  23:52:40  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Ciao
Ti posso dire che ho provato diversi tipi di olio e la mia ha la frizione che tende slittare in ogni modo. Anche a me hanno consigliato il minerale, ma non ho mai risolto.
Da calda comunque va meglio
Questo oilio semisintico non l'ho mai provato, ma sarei chiurioso di sapere perchè pare sia indicato anche per frizioni.
https://www.wdracing.eu/it/olio-cambio/614-olio-cambio-motul-transoil-expert-10w40.html

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 14 dic 2019 :  12:44:51  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Allora la sensazione che ho avuto di uno slittamento della frizione quando ho provato la Diva era concreto, ma si è verificate una sola volta.
Valuterò se controllare i dischi se sono consumati o meno.
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 14 dic 2019 :  13:43:15  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Nella descrizione precedente avevi indicato che <<..., durante i cambi marcia noto che attacca alla fine>>.
Direi prima di fare in modo che la frizione attacchi prima, allentando il registro e verificando che i comandi siano scorrevoli, poi valuti se aprire..
Secondo la mia esperienza non è dovuto ad usura ma da indurimento dei sugheri.
Comunque il pacco dischi sono gli stessi dell'Iso 125.

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 14 dic 2019 :  15:01:44  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Ciao, non so se ho spiegato bene la cosa, ci riprovo: sento che la frizione stacca la presa poco dopo aver premuto la relativa leva sul manubrio, cone se lo spessore dei sugheri fosse ridotto e quindi le molle dovrebbero essere meno compresse. È giusto il ragionamento?

In realtà, per ispezionare la frizione, Luigi ho già aperto il carter per 2 motivi.

Scaricato l'olio ho svitato lo sfiato superiore per poter reinserire l'olio e dosare il corretto livello, solo che appena svitato ho notato che i filetti del carter dello sfiato si sono staccati come piccoli anelli...

Alcuni sono riuscito a sfilarli con una pinzetta da orologiaio ma per sicurezza ho preferito controllare che niente fosse caduto all' interno e anche spinto dalla curiosità di verificare lo stato della trazione primaria.
Ecco una foto..

003051_resize_80.jpg


Mi sembra tuttok, ripulito il tutto dai residui inizio a controllare il carter e capire come poter risolvere l'inconveniente...

Una più attenta ispezione di tutto il carter mi fa capire come in alcuni casi sul forum molti possessori della Diva riscontravano problemi di rottura dell'avviamento..

Il carter risulta praticamente incrinato nelle zone di curva dell' alluminio e nei punti di tensione dell'avviamento.

113301_resize_2.jpg


001607_resize_1.jpg


002336_resize_10.jpg


Da quello che ho potuto riscontrare in questi giorni altri carter anche su vecchi post hanno queste crepe che secondo il mio modesto parere possono essere state causate dalla particolare forma del carter e forse da una non perfetta fusione dell' alluminio in fase di realizzazione del pezzo grezzo.

Una problematica che è trattato in questo ed altri link...
https://www.motociclismo.it/visita-alle-fonderie-tfc-galileo-1-dalla-fonderia-alla-moto-moto-2523

Una potenziale causa potrebbe essere causata anche dal lavoro in pressione verso l'esterno che subisce il carter durante l'azionamento della frizione...

Avete mai riscontrato nei vostri motori questo problema?
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 14 dic 2019 :  18:08:11  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Si confermo che quei segni sono normali.
Nel nostro caso inoltre non c'è da temere alcun stress all'azionamento della frizione, è tutto adegutamente dimensionato.
L'unica cosa che può succedere che in caso di cadute con forti sillecitazioni sulla pedivella di avviamento piegandosi ll'arbero si potrebbe crepare il carter nel punto di uscita dell'albero di avviamento.
Capitato anche di trovare la sede del paraolio dell'albero di avviamento rotta.

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 14 dic 2019 :  20:43:54  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Ok, grazie di nuovo.
Comunque quelle crepe sul carter frizione non mi lasciano tranquillo.

Stavo già mettendo in atto una valutazione per correggere il problema interpellando qualche professionista della saldatura a tig sui carter in alluminio della mia zona.

Vedrò che fare tenendo a mente la tua esperienza Luigi, chiedere non mi costa molto.

Sicuramente va recuperata la filettatura dello sfiato che ha un filetto come quello delle candele: M14 x 1,25.
Un inserto elicoil credo sia la soluzione migliore, come del resto ho fatto sul carter della LD150 lato avviamento.

Successivo argomento sarà il faro...
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 14 dic 2019 :  23:42:27  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Ti mostro le stesse foto di un carter che come il tuo, presenta delle imperfezioni estetiche, ma no sono incrinature.

Ciao.

20191214_173736.jpg


20191214_173750.jpg


20191214_173803.jpg
Torna all'inizio della Pagina

Mirco69
Utente ++


Biella - BI
Italy


Il mio Garage

959 Messaggi
Iscritto dal 2012

Inserito il - 15 dic 2019 :  00:25:49  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da NaO

Ok, grazie di nuovo.
Comunque quelle crepe sul carter frizione non mi lasciano tranquillo.

Stavo già mettendo in atto una valutazione per correggere il problema interpellando qualche professionista della saldatura a tig sui carter in alluminio della mia zona.

Vedrò che fare tenendo a mente la tua esperienza Luigi, chiedere non mi costa molto.

Sicuramente va recuperata la filettatura dello sfiato che ha un filetto come quello delle candele: M14 x 1,25.
Un inserto elicoil credo sia la soluzione migliore, come del resto ho fatto sul carter della LD150 lato avviamento.



Non ti serve nessuna saldatura a Tig sui carter della ISO. Te lo dimostra il fatto che hai acquistato uno scooter fatto negli anni 60, sempre usato e con nessun problema di trafilaggio .
Se aveva problemi sulle fusioni/ crepe , li avrebbero già saldati anni addietro.
Non credi?
Soldi buttati.

Non capisco perché per inserire l' olio lato frizione hai voluto smontare lo sfiato superiore.... Esiste il suo specifico bullone per inserire l' olio e al livello giusto.
Se avevi un motore prima o seconda serie ( che se non ricordo male in quel punto è privo di sfiato ) , cosa facevi? Foravi il carter ??
Mah!...
Per carità, il motore è il tuo e puoi farci quello che vuoi, ci mancherebbe.


Un sorrISO a tutti voi ! " Chi viaggia ISO non mangia polvere ! "
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 15 dic 2019 :  01:57:53  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Mirco ho svitato lo sfiato per un semplice motivo pratico, versando l'olio dallo sfiato posso facilmente controllare poi il raggiungimento del livello sul foro apposito sopra la pedivella, poteva essere quello compromesso.
La stessa cosa non è fattibile sulla trazione secondaria.
Certamente non sapevo che il filetto dello sfiato era andato, cose che capitano. Poteva e può accadere di trovare alcuni inconvenienti nel fare controlli di routine.

Quello che sto percorrendo infatti è fare una serie di semplici verifiche sulla macchina prima di rimettersi in marcia con una consapevolezza maggiore sul mezzo che sto guidando.
Penso che chiunque avrebbe fatto la stessa cosa acquistando un mezzo da un privato e non da un'officina specializzata o azienda del settore.

Per quanto riguarda la eventuale correzione del carter le mie sono considerazioni di cui mi interessa sapere la vostra opinione.
Non è detto che passi dalle parole ai fatti se veramente non serve.
La vostra esperienza è maggiore della mia su questo mezzo e la ritengo un prezioso contributo al mio sapere. La vostra opinione conta.
Grazie.

Veniamo ad esempio al faro.
Già dall'esterno si vedeva che c'era qualcosa che non tornava nella parabola.
A parte l'inversione di 180° con il vetro oggi infatti ho riaperto il faro che era assemblato malamente fra vetro e parabola tenute assieme da un po di silicone bianco tanto che il vetro si è staccato con le mani dalla parabola.
Quest' ultima è veramente messa maluccio e vista in controluce presenta alcuni forellini, segno che era praticamente corrosa prima di una cromatura correttiva nel tentativo di recuperarla.

Qui penso che mi toccherà sostituirla cercando un ricambio originale, che ne pensate?

184027_resize_14.jpg


184059_resize_24.jpg
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 15 dic 2019 :  10:10:23  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Sicuramente da sostituire.

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

Mirco69
Utente ++


Biella - BI
Italy


Il mio Garage

959 Messaggi
Iscritto dal 2012

Inserito il - 15 dic 2019 :  10:29:20  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Volendo anche sulla secondaria puoi rabboccare con l' olio: rimuovi le due viti a taglio sotto il selettore marce, sollevi leggermente la piastra e riempi fino al livello desiderato.

Un sorrISO a tutti voi ! " Chi viaggia ISO non mangia polvere ! "
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 15 dic 2019 :  16:18:05  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Si grazie Mirco ma visto quanto mi è accaduto con il carter frizione meglio attenersi al suo foro di rabbocco sulla secondaria.

Per quanto concerne la parabola vi è qualcosa di compatibile con vespa o lambretta? Il diametro è di 125mm del vetro. Lo stesso dicasi anche per la guarnizione fra vetro/parabola e ghiera, era completamente assente.

Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 16 dic 2019 :  23:27:36  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Continuo la manutenzione straordinaria della Diva verificando lo stato dei comandi sul manubrio già che ho il faro smontato. Rimossa la conchiglia superiore i comandi appaiono in ordine solo un po da lubrificare. Provvedo con olio ad irrorare le sfere del piantone sterzo, i canapetti dei comandi e degli spezzoni dello sterzo nei punti di rotazione. Su quello della frizione noto che un semianello di tenuta (numero 28 della Tav.11 ricambi) risulta mancante, sicuramente sarà non reperibile a brebe. Prendo le quote dell'unico presente e metto in cantiere di realizzarlo in stampa 3D. Poi vedrò se riesco a trovarne uno in futuro ai mercatini.

181356_resize_46.jpg


180710_resize_11.jpg


Elemento_28.jpg


Vediamo se all' atto pratico andrà bene questo rimpiazzo.
Torna all'inizio della Pagina

Mirco69
Utente ++


Biella - BI
Italy


Il mio Garage

959 Messaggi
Iscritto dal 2012

Inserito il - 17 dic 2019 :  00:33:03  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Piantone sterzo, sfere in acciaio: meglio il grasso
Semiluna manubrio: non credo lo troverai mai " sciolto" ad un mercatino. Se hai davvero fortuna (!) puoi trovare un manubrio completo.
Puoi anche vedere, per curiosità, se per caso Lambretta o Vespa ne montano uno simile, eventualmente da modificare.

Un sorrISO a tutti voi ! " Chi viaggia ISO non mangia polvere ! "
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 17 dic 2019 :  07:55:07  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Giusto Mirco, ho usato olio lubrificante adesivo della Würth, ma per le sfere del piantone sarà meglio ingrassarle...
Ciao
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 18 dic 2019 :  19:01:57  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Arrivati i semianelli di tenuta stampati in 3D con ABS, materiale termoplastico più resistente rispetto al PLA, adatto a realizzare pezzi di ricambio. Regge bene gli 85°C e gli stress meccanici...
Vediamo poi come si integra e se le misure che ho rilevato sono corrette.


114702_resize_99.jpg
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 18 dic 2019 :  22:09:05  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Bravissimo, Ottavio.
Servono per evitare che i semigusci impediscano il libero scorrimento del bracciale del cambio.

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 19 dic 2019 :  07:50:27  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Infatti Luigi, il risultato dell' installazione del semianello mi sembra buona.
Ancora non ho richiuso il semiguscio per mancanza di tempo.
Due viti di bloccaggio, dal basso, ai lati dei semigusci non avrebbero guastato da parte della Iso, il semiguscio superiore si ferma con la sola vite centrale e con la ghiera del faro.

Vi metto qualche foto della prova fatta.

012222_resize_61.jpg


012243_resize_67.jpg


012559_resize_15.jpg


012414_resize_70.jpg


012355_resize_48.jpg


Vediamo se ci sarà da ritoccare il semianello quando ripongo sopra il semiguscio superiore.

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

Iso
Moderatore



Rovigo - RO
Italy


16481 Messaggi
Iscritto dal 2003

Inserito il - 19 dic 2019 :  13:42:10  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
É eccezzionale quel lavoro coi semianelli.

Ciao.
Torna all'inizio della Pagina

NaO
Utente +


Terranuova Bracciolini - AR
Italy


195 Messaggi
Iscritto dal 2019

Inserito il - 19 dic 2019 :  14:12:46  Mostra Profilo Rispondi Rispondi Quotando
Grazie di nuovo Luigi, deformazione personale. Amo i dettagli e la precisione, sarà il lavoro che faccio, ma ogni tanto mi perdo... quello che mi è successo sulla LD ancora non me lo perdono.

Passiamo oltre.

Comunque le quote sembrano corrette anche se la stampa 3D generalmente aggiunge un paio di decimi al solido.

Esco un attimo dal tema meccanico scooteristico:
Se qualcuno ne avesse bisogno posso fornire il file .STL che permette la stampa dell'oggetto. Ci sono aziende che lo fanno anche ai provati.

Chi volesse cimentarsi è possibile fare pratica di modelli 3D con un software open souce disponibile in rete, si chiama OpensCad. E' il programma che ho usato per i pezzi realizzati.


Ciao
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Scooter d Epoca - Forum © Scooterdepoca.com Go To Top Of Page
Questa pagina è stata generata in 0,25 secondi. Snitz Forums 2000

Powered by scooterdepoca.com, © 1998- 2020 - Tutti i diritti riservati. - I marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
Questo sito è l'espressione libera di chi lo ha fondato e di molti appassioniti dello scooterismo d'epoca ed è un sito NO PROFIT.
I servizi e/o le informazioni di questo sito sono resi in modo gratuito e non assoggettate a garanzie di alcun tipo e possono essere utilizzate esclusivamente per scopi personali e non commerciali o professionali. Non ci assumiamo responsabilità per inesattezze e/o errori.  Chi legge e/o utilizza le informazioni rese solleva incondizionatamente scooterdepoca.com e tutti gli amministratori del sito da ogni responabilità.  Chi non accetta quanto sopra non è autorizzato a leggere e/o utilizzare le informazioni rese.  Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perchè viene aggiornato senza alcuna periodicità fissa.  Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Questo sito utilizza esclusivamente cookies tecnici e solo dopo aver effettuato il login, pertanto NON utilizzando cookies di profilazione la normativa vigente indica che non è necessario richiedere all'utilizzatore alcun consenso preventivo.
Maggiori info nella sezione Policy del Forum.

Credits