scooterdepoca.com

 
 


  
La Meccanica Verghera Agusta viene fondata nel 1945 nello stesso stabilimento della Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta, nei pressi dell'attuale aeroporto Malpensa. Al termine del conflitto infatti gli Agusta devono mantenere produttiva l'azienda e investo in più settori come utensili e casalinghi. Vedono inoltre sbocco produttivo anche nella motorizzazione e la prima è una motoleggera denominata "Vespa 98". Il nome era suggerito dal ronzio del motore a due tempi di cui era dotato. Tuttavia il nome fu subito reclamato dalla Miller, che lo aveva depositato ancora nel 1934 e che poco dopo lo cedette alla Piaggio.
L'anno successivo oltre alla produzione di serie incominciarono per le moto Agusta anche le partecipazioni alle competizioni che subito rivelarono la bontà del prodotto. Seguì poi una 125, anche in versione bicilindrica, e una 250 quattro tempi.
Nel 1949 al Motosalone di Milano presenta la propria interpretazione di scooter, due modelli, uno completamente carenato e dotato di raffreddamento forzato denominato "B" e un secondo più economico con motore a vista denominato modello "A". L'anno successivo furono aggiornati nei rispettivi modelli C.SL e nel C.GT dotato di ampio tunnel centrale per convogliare l'aria al motore. Il raffreddamento rappresentava infatti punto critico del motore Agusta in queste configurazione e gli aggiornamenti introdotti, sia sul motore che sulla carrozzeria, erano tesi a migliorarne l'apporto di aria al motore. Il C.GT fu nel 1952 offerto anche con più generoso motore da 150cc e affiancato da una versione di scooter più economica denominata Ovunque. Questi scooter nascevano stranamente privi di dispositivo di spegnimento, l'unico sistema era quello di chiudere il rubinetto benzina oppure affogare il motore con una marcia. La MV non curava molto certi dettagli, la fama derivata dalle competizioni li facevano passare in secondo piano e le sue moto e scooter in quel periodo erano sempre molto richieste.
Seguirono modelli di cilindrate sempre maggiori e l'adozione di soluzioni tecniche raffinatissime derivate dalle competizioni che distingueva la MV Agusta dalla massa.
Vanno citate il Pulman 125 del 1953, la 175CS e la CSS a 5 marce con motore bialbero. Un nuovo sistema di lubrificazione consentì nel 1959 di estendere la garanzia sul motore a 100mila km, fu così che la i 175 e 250 che l'adottarono veniva denominata serie "Centomila".
Nel campo agonistico la MV ingaggio piloti di primissimo livello del calibro di Mike Hailwood e Giacomo Agostini, i cui successi elevano la MV Agusta al primato tuttora imbattuto di titoli mondiali vinti.
Nel 1971 Corrado, fratello minore di Domenico prende le redini dell'azienda, il cui impegno è più attento sulla produzione elicotteristica che derivò un progressivo disimpegno in quella motociclistica.
GLi ultimi modelli risalgono al 1975 con la 125SE, la 350 IPOTESI e la 750 America.
Nel 1991 i marchio fu ripreso dai fratelli Castiglioni della Gagiva Motors. Ne seguirono diverse cambiamenti societari e finanziari che portarono comunque un progressivo rilancio rilancio del marchio.
Ora le Moto MV sono prodotte negli ex stabilimenti Cagiva di Schiranna (VA), già Aermacchi.

In foto una veduta aerea della stabilimento di Cascina Costa di Sammarate (VA), costruito nel 1923, ora è la sede della Leonardo Helicopters.
A destra Domenico Agusta (1907-1971) che a seguito della prematura scomparsa del papà Giovanni nel 1927, assieme al fratello Vincenzo e supportati dalla madre Giuseppina, prese le redini dell'azienda, la "Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta".
Dal 1943 si interessa di motocicli e nel 1945, al terminato il conflitto, si dedicò alla costruzione e competizione motociclistica fondando la "Meccanica Verghera Agusta".

Link Google Maps: Via Giovanni Agusta, 520, 21017 Samarate VA

Le schede disponibiliDocumentazione
B 1949-1950-UM---
A 1949-1950-----
C 1950-----
C SL 1950-1951-UM---
C GT (1° serie) 1950-1951-----
C GT (2° serie) 1951-1952-----
C GT (150cc) 1951-1952-----
Ovunque 1951-1954RI--SE-
Chicco 1961-1963RIUM-SEOM

Legenda:
RI Ricambi - UM Uso e Manutenzione - OF Manuale Officina
SE Schema elettrico - OM Omolog.

Ultimo aggiornamento 16/02/2020 - Credit scheda - Segnala un errore sulla scheda
Le schede sono in continuo aggiornamento - Ci riserviamo il diritto di modificare e/o correggere la scheda senza preavviso

COPYRIGHT - ESCLUSIONE DI RESPONSABILITA' E DI GARANZIA
Copyright © 1998-2020 - Tutti i diritti riservati.
Questo servizio è accessibile gratuitamente e senza garanzie di alcun genere, sia esplicite sia implicite. Noi non rispondiamo, garantiamo o prendiamo alcuna responsabilità per l'accuratezza, la correttezza, la completezza ed utilizzo delle informazioni rese. Dette informazioni sono da ritenersi puramente indicative. Chiunque legga e/o utilizzi, a qualsiasi titolo, le informazioni rese lo fa sotto la propria responsabilità ed accetta, senza esclusione alcuna, di liberare da qualsiasi responsabilità i redattori delle informative rese e/o gli amministratori del sito. Se non si accetta integralmente quanto sopra non si è autorizzati a leggere e/o utilizzare le informative rese.
I marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.